Visualizzazione post con etichetta musica - blog. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta musica - blog. Mostra tutti i post

2 gennaio 2011

Sul pianoforte di Débussy

Thollem McDonas

Thollem McDonas è un eclettico compositore e pianista di origine irlandese. Ha alle spalle tantissime collaborazioni con artisti provenienti dai più disparati ambiti artistici, sia musicali (musica contemporanea, improvvisazione, indie rock, generi di cui è rintracciabile l’influenza nel suo stile compositivo e nel suo modo di suonare) che visivi (Matthew Barney, Martha Colburn).

22 dicembre 2010

Piccolo post antiborghese (e un po’ marxista)

Più di un secolo fa il filosofo anarchico Pierre Joseph Proudhon ebbe parole di profondo disprezzo per la borghesia, definita: «carnosa e facoltosa, deformata dal grasso e dal lusso, in cui la mollezza e la massa soffocano l’ideale, destinata a morire di poltronaggine». Non è molto distante l’anarchico cantastorie De Andrè quando canta nella Canzone del maggio: «anche se voi vi credete assolti siete lo stesso coinvolti».

24 settembre 2010

Sogno ad occhi aperti

Giovanni Sollima

Prodotto nel 2007 questo video unisce l'abilità tecnica di due uomini che posseggono una grande  padronanza della tecnica nei loro ambiti per elevare la musica oltre i confini dell'ordinario. Sogno ad occhi aperti è un doppio video diretto dall'animatore norvegese Lasse Gjertsen ed eseguito magistralmente dal violoncellista e compositore italiano Giovanni Sollima. Il video enfatizza le qualità tecniche del grande musicista e coinvolge attraverso un viaggio iconico di grande potenza.

9 agosto 2010

Fuori dal tempo (Morgan e il demonio)

Morgan

«Si sa che la gente dà buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio. Si sa che la gente dà buoni consigli se non può più dare cattivo esempio».
Così cantava il temibile De André, già additato negativamente dal ministro La Russa in una sua recente dichiarazione. Qualcosa di simile sembra – a mio personalissimo parere – avere spinto il sindaco di Verona Flavio Tosi (che di cattivi esempi se ne intende) a negare a Morgan l’anfiteatro della sua città per un concerto. «Morgan non è un buon esempio per i giovani», la sua motivazione.


9 luglio 2009

Vivere con Michael Jackson

Michael Jackson gif

Personaggio controverso Michael Jackson, idolatrato alla follia ma anche accusato, a torto o a ragione dell'odioso crimine della pedofilia. Le notizie che superficialmente circolano su di lui sono contrastanti e poco lusinghiere, ma conoscendo un pò meglio il personaggio è possibile comprendere alcune delle ragioni che associano la sua immagine a quella di un eterno Peter Pan.


26 giugno 2009

L'ultima inusuale conferenza di Michael Jackson


Sarebbe inutile aggiungere altro alla morte di Michael Jackson. Con la concitazione del momento è facile avanzare dietrologie e ipotesi assurde: lo hanno ucciso i medici, ha preannunciato la sua morte ecc. Tuttavia riascoltando le parole pronunciate il 5 marzo scorso a Londra in una conferenza che annunciava il suo ritorno sulle scene per una serie di concerti, qualcosa di strano nelle sue parole c'era davvero. Ripetendo più volte la parola: «L'ultima volta», «sarà l'ultima volta a Londra...» non si può restare indifferenti, non solo per il tono con cui lo aveva ripetuto, ma soprattutto per il suo inconsueto approccio con i fan. Basta guardare il video per accorgersene...

21 giugno 2009

L'ultimo album di Moby è online!

wait for me moby

E' uscito l'ultimo atteso album di MobyWait for me. Un album riflessivo il suo, con atmosfere pregne di tristezza e sogno, degne del talento di un grande artista della musica elettronica. Per l'occasione Repubblica.it offre l'opportunità di ascoltare tutti i brani dell'album online e di vedere alcuni dei videoclip. Di sicuro interesse la collaborazione di David Lynch il quale ha diretto il video Shot in the Back of the Head, frutto dell'amicizia tra il regista e il musicista.

Italian (Morgan) Songbook

Marco Morgan Castoldi

Eccelso manufatto sonoro, l’ultimo album di Marco Morgan Castoldi. Canzoniere italiano Vol. 1. Una cascata d’emozioni, una vertigine che avviluppa per tutto l’ascolto, anzi, uno «strarniamento», «primo album di una trilogia dello straniamento» come la definisce lo stesso Castoldi. Stavolta senza sperimentalismi di qualsivoglia natura, per dar spazio all’interpretazione impeccabile e pura.