23 maggio 2012

Una piccola scoperta

Ricordate Pino Caruso? Io no. Quel poco che ricordo di lui è la pubblicità di un caffè e i monologhi serrati che faceva in qualche grande varietà della Rai. Ma quello che certamente non immaginavo è che avesse scritto. Parecchio. Poesie, romanzi, raccolte di racconti, e un libro di aforismi e pensieri (Ho dei pensieri che non condivido).

Ho scoperto quest’ultimo testo frequentando il sito Aforisticamente, instancabilmente guidato da Fabrizio Caramagna. Nella pagina dedicata a Pino Caruso Caramagna riporta parecchi dei suoi aforismi, ecco quelli che mi hanno colpito più degli altri:

Il passato non mi preoccupa: i danni che doveva fare li ha fatti; mi preoccupa il futuro, che li deve ancora fare.

Il guaio non è che nulla si crea, il guaio è che nulla si distrugge.

Chissà perché quando un prete è un buon prete, si dice che non somiglia per niente a un prete.

La via che indica la Chiesa non porta a Dio, porta alla Chiesa.

Dio, dicono ha i suoi disegni. E, allora, perché non fa una mostra?

L’uomo è un essere finito, mentre l’universo è infinito. Che ci voleva a fare il contrario!?

In Sicilia, quando facciamo qualcosa o la facciamo in grande o niente. Ecco perché spesso non facciamo niente.

Noi siciliani non siamo nemmeno masochisti: ci facciamo continuamente del male, ma senza provarci piacere.

Gli attori si dividono in due categorie: incisivi e canini.

L’umorismo è l’ultimo disperato tentativo di far morire la morte dal ridere. Purtroppo, la morte non ha il senso dell’umorismo.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...