Visualizzazione post con etichetta BLOG. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta BLOG. Mostra tutti i post

23 maggio 2018

Indovina chi viene a cena?

Philip Roth

Oggi muore Philip Roth all'età di 85 anni. Per commemorare il grande scrittore ripubblichiamo un piccolo post del 2011...

Siamo a New York. Lulu Berton viene invitata da una sua amica, Judith Thurman, giornalista del «New Yorker», ad una cena per il giorno del ringraziamento nel 2007. Accanto a lei siede un signore anziano ma arzillo, si chiama Philip. Ad un certo punto chiede al suo vicino di cosa si occupi e lui, in risposta, afferra una copia di Everyman. Lulu rimane sbalordita: era Philip Roth.

7 maggio 2018

Il maschile e il femminile ovvero una moderna confusione grafica


Anni fa mentre viaggiavo in Estonia entrando in un bagno pubblico mi è capitato per la prima volta di sbagliare totalmente la porta di ingresso ritrovandomi in quello riservato alle donne: un banale errore di distrazione, direte voi, in parte sì e in parte legato al fatto di non aver riconosciuto chiaramente l'indicazione per il bagno degli uomini o delle donne. Davanti alle porte di ingresso infatti vi era un triangolo equilatero di diverso colore rivolto in alto per l'uno e in basso per l'altro. Non avendolo mai incontrato non l'avevo neanche associato alla divisione di genere, sicché ho corretto il mio errore dirigendomi nella sala giusta. Così mi sono chiesto come si potesse distinguere il bagno degli uomini da quello delle donne solo in base ad un triangolo di diverso colore e posizione.

Da allora mi è rimasto un dubbio tutte le volte che ho rivisto questa stilizzazione grafica. 

12 aprile 2018

Seguimi in Grecia #DallItaliaallaGrecia


L'anno scorso abbiamo inaugurato il profilo Instagram di Elapsus grazie ad un viaggio in Uzbekistan, quest'anno vogliamo mantenere la stessa idea con un viaggio alla scoperta della Grecia. L'itinerario si snoderà presso i principali siti archeologici della Grecia continentale, mantenendo sempre un occhio di riguardo ai collegamenti con le tradizioni e la cultura italiana. Da siciliano, in particolare, cercherò tutti quei riferimenti che legano la Grecia classica alla Sicilia Greca e ve li proporrò.

28 marzo 2018

Meno male che Augias c'è


E' da un pò di tempo che desideravo spendere due parole su un grande giornalista e scrittore come Corrado Augias: prendendo a prestito un motivo fin troppo abusato, mi viene da dire meno male che Augias c'è! Rispetto alla trasbordante consuetudine di una televisione da pollaio, Augias conduce (oserei dire incredibilmente visti i tempi!) la trasmissione culturale «Le Storie». Una trasmissione condotta con toni non solo pacati, ma educatamente puntuali e criticamente corretti.

21 marzo 2018

Erich Fried - Quando ti bacio

Eric Fried
Vi risparmio la banale associazione tra la giornata mondiale della poesia (che cade oggi) e questo post, perché da un lato è vero dall'altro no. Da un lato giorni fa sono rimasto colpito da questa bella poesia di Eric Fried, tanto da pensare di condividerla con tutti voi, dall'altro mi è venuto in mente di pubblicare proprio oggi perché questa data e il richiamo continuo alla poesia mi ha fatto sovvenire ciò che avevo messo da parte... 

Leggetela dunque, senza bisogno di altre parole, perché spiegare una poesia così chiara equivarrebbe ad ucciderne il sentimento.

14 marzo 2018

Le scommesse (perdute) di Hawking

Stephen Hawking

Riproponiamo oggi un vecchio post su Stephen Hawking morto oggi all'età di 76 anni.

Lo scienziato inglese Stephen Hawking oltre ad essere uno degli astrofisici più famosi al mondo è una vera autorità nel campo della cosmologia. Oltre a ricoprire la stessa cattedra di Newton a Cambridge ha intrapreso molti studi sui buchi neri. Un aspetto particolare del suo carattere è quello di avanzare continue scommesse con i suoi amici e collaboratori.


2 marzo 2018

Abbattere le frontiere: il Museo egizio di Torino e il progetto del direttore Christian Greco

Christian Greco

Fortunato chi parla arabo. Questo è il nome della nuova promozione sponsorizzata dal Direttore del Museo Egizio di Torino, Christian Greco. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di avvicinare cittadini arabi, residenti in Italia e non, al contesto museale che “parla la loro lingua”, proponendo due biglietti interi al costo di uno. Negli ultimi mesi i mass media e le istituzioni politiche  hanno strumentalizzato la novità portandola al centro di una polemica denigratoria. Si è parlato di buonismo ipocrita e fenomeno commerciale. 

Su di me ha avuto un effetto differente. 

11 febbraio 2018

"Non mi avete fatto niente", un testo che va oltre le banalità

Ermal Meta E Fabrizio Moro

A dire il vero non seguo il Festival di Sanremo e sono sempre molto distaccato rispetto alle produzioni artistiche contemporanee. Per questa ragione non sono molto aggiornato su nomi e canzoni, così fino a poche ore fa non conoscevo la canzone vincitrice dell'edizione 2018. Ma un amico stamane mi ha invitato ad ascoltare con attenzione Non mi avete fatto niente di Ermal Meta e Fabrizio Moro.

8 febbraio 2018

Un archetipo eterno

Pisside skyphoide pittore di Lipari

Poco tempo fa sono stato a Lipari a visitare il Museo archeologico eoliano, che a dispetto del fatto che si trovi su un'isola e quindi possiede una cerchia di visitatori limitata, espone dei reperti di assoluto valore. A parte l'interessante sezione dedicata alla preistoria delle Eolie, in diverse sale sono esposti dei reperti di epoca greca ritrovati nelle varie Eolie. Tra le tante ceramiche di pregio, testimonianza di un passato dell'arcipelago non marginale come oggi, sono stato colpito da questa Pisside skyphoide.

16 gennaio 2018

Montanari vs Franceschini ovvero idealismo e realpolitik

montanari e franceschini

Ieri sera è andata in onda una puntata (per me) più interessante del solito su Otto e mezzo condotta dalla solita Lilly Gruber. Gli ospiti erano il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini e lo storico dell'arte ed editorialista Tomaso Montanari (di cui ricordo le splendide puntate su Rai 5 dedicate al Bernini). 

6 dicembre 2017

Made in Italy (1965) di Nanni Loy

Made in Italy, Nanni Loy

Un film di cui, forse si parla poco ma che mantiene tutta la forza e la potente capacità di descrivere pregi e difetti degli italiani. Nanni Loy nel 1965 gira un film a più episodi, con cui può abbracciare tutti i temi dell'italianità: Usi e costumi, Le donne, Il lavoro, Lo Stato, la Chiesa e il cittadino, La famiglia. Di ogni aspetto non trascura i comportamenti di ogni parte d'Italia. 

19 ottobre 2017

Il mistero dell'antimateria


L'esistenza dell'antimateria oggi è un problema, anzi un mistero, perché non se ne comprende ancora buona parte delle ragioni che accompagnano la sua esistenza e la sua provenienza. Questo mistero riguarda l'asimmetria tra materia e antimateria, ossia la domanda sul perché nell'universo si rileva un'abbondanza di materia mentre l'antimateria scarseggia.


1 ottobre 2017

Una suggestione cubista

Samuel van Hoogstraten

Poco tempo fa sono stato a Praga. E oltre al tipico giro della città ho visitato il locale museo d'arte (di cui adesso mi sfugge il nome), quello sito nel Castello per intenderci. Durante la visita, tra le tante opere che scorrevano - come spesso avviene quando si frappongono troppi quadri di scarso interesse - sono stato colpito dalla tela in alto. La composizione (mi scuso per la pessima qualità dell'immagine ma il mio smartphone non poteva fare di meglio con poca luce) è di un pittore semi-sconosciuto, un certo Samuel van Hoogstraten (1627-1679) un fiammingo che ha rappresentato questa Natura morta con carte da gioco e lettera. Cosa c'è di strano penserete voi? Nulla se non fosse una composizione davvero sui generis...

11 settembre 2017

La crisi della scienza contemporanea

crisi riproducibilità scientifica

Voglio condividere con voi uno spunto molto interessante in merito alla cosiddetta crisi della scienza. Per quanto l'argomento sia sostanzialmente appannaggio degli scienziati e molto meno del grande pubblico, è necessario raccontare l'esistenza di una vera e propria crisi. Questo aspetto è divenuto evidente già da qualche anno, ma si fa fatica a parlarne forse perché mina dalle basi il fondamento stesso della scienza galileiana: ogni fenomeno per essere convalidato deve essere riproducibile.

15 agosto 2017

Ofelia si consuma nella tragedia: nuovi mezzi iconografici

Andreas Franke, photographer affermato sul territorio viennese, decide di dare una svolta alla canonica iconografia ancorata alla pittura e ai pennelli.
Servendosi di due passioni, l'acqua e la macchina fotografica, realizza un incredibile progetto, dove il volto del personaggio shakespeariano è al centro della scena. Una serie di scatti ripercorrono gli ultimi pensieri di Ofelia e lo spettatore è pienamente coinvolto nella tragedia.  

12 agosto 2017

Quanto è difficile proteggere la libertà di espressione


Negli ultimi anni mi sono spesso interrogato sui rischi potenziali che una webzine come la nostra può avere pubblicando articoli; di certo non un articolo su un pittore o uno scrittore, ma magari una critica più pungente su un argomento controverso potrebbe farci inserire nella lista dei siti di fake news. È ciò che è successo ad alcuni blog di cosiddetta controinformazione per cui il programma di pubblicità Google Ad Sense è stato bloccato e il sito dichiarato “inattendibile”.
Le ragioni in merito a ciò sono vaste e di certo non intendiamo discutere in merito al sovravanzare di questo processo. Inoltre il nostro non è un sito di controinformazione, ma semmai un sito che si pone dei dubbi in alcuni casi e cerca di non limitare la verità solo alle convenzioni. Tuttavia è noto il fatto che, proprio come indicato in un mio articolo di qualche anno fa, il trend della libertà di stampa nel mondo nonché in Italia, non è in decrescita. Per nostra fortuna l’Italia non è la Turchia dove: giornalisti, magistrati e insegnanti vengono imprigionati sull’onda emotiva del tentato golpe di un anno fa, da noi a parte il rischio di una querela, si può solo venire ostracizzati dal sistema dei media. Ma è interessante immaginare quanto possa essere difficile oggi, per un giornalista scomodo, proteggere i propri dati a causa del controllo globale dei governi. 

11 luglio 2017

Quale cultura esprimono Steve McCurry e Letizia Battaglia?

Steve McCurry e Letizia Battaglia

Pochi giorni fa nella mia città è stata inaugurata la mostra Icons di Steve McCurry. Per l'occasione il grande fotografo è stato intervistato di fronte a un nutrito pubblico di appassionati e semplici curiosi. 
Per me chiaramente era un'occasione da non perdere; l'importanza di McCurry è oggi equivalente a quella dei grandi nomi di un tempo come Robert Capa, Cartier Bresson o altri, e sentirlo parlare a pochi metri faceva un certo effetto. Tuttavia ciò che mi ha più colpito è stata la sensazione di avere davanti una persona con un bagaglio culturale relativo... 

23 giugno 2017

Le lezioni di Philippe Daverio: la rivoluzione giottesca


In questa interessante lezione, il critico d'arte affronta un periodo di particolare importanza, in cui l'Italia si appronta ad abbandonare il Medioevo per accogliere il Rinascimento. Al confine tra questi due periodi, sta la figura di Giotto, che per certi aspetti è ancora ancorato alle tecniche medievali, ma per altri si mostra innovativo, avviando un lavoro pittorico, che si serve di metodi considerati rivoluzionari per l'epoca. Daverio, nel delineare l'attività giottesca, ripercorre le tappe del lavoro dell'artista, cogliendo in esso le qualità che classificano Giotto come un pittore moderno. Alle origini del Rinascimento si pone l'ordine francescano. La proliferazione della corrente religiosa porta con se molte opere architettoniche che si distinguono per la sobrietà degli apparati (principio dettato dall'ordine) emblema di umiltà, e per gli ampi spazi, volti ad accogliere il maggior numero di fedeli. Percorrendo un binario parallelo in forma pittorica, Giotto stende colori e forme delicate sulle sue tele.


20 giugno 2017

Quel che si cela in una piazza


Qualche mese fa visitando Licata, in provincia di Agrigento, mi sono imbattuto in un'opera apposta nella centralissima piazza Sant'Angelo. La piazza era stata ristrutturata da poco tempo e la rappresentazione quindi era recente, aggiunta con l'intento di trasmettere un significato.
L'opera è formata da due quadrati sovrapposti (4+4) a formare una stella a otto punte, circondata da un cerchio su cui sono incisi i quattro elementi fondamentali: aria (aer), acqua (aqua), fuoco (ignis) e terra (terra). Oltre ad essi vi erano altri quattro elementi: siccità (siccitas), umidità (humiditas), calore (calidas), freddo (frigiditas). Personalmente conoscevo solo i primi quattro elementi, mentre degli altri quattro seppur intuibili non comprendevo la ragione per cui fossero associati ai primi. 


29 maggio 2017

Guardare al futuro per comprendere il presente


Ad aprile si è tenuto un meeting a Ivrea organizzato dal Movimento 5 Stelle, il quale ha richiamato diversi relatori per parlare di futuro. La comprensione delle dinamiche attuali, della complessità del mondo, delle trasformazioni tecnologiche, sociali e culturali è di indubbia importanza per capire il futuro prossimo. Come ben sappiamo dalle nostre parti si parla molto poco di futuro con prospettive ampie e profonde, ma soprattutto parlano poco gli specialisti e le persone che apportano contributi stimolanti. Come sappiamo i dibattiti televisivi sono ridotti a del chiacchiericcio mediocre, mentre la complessità e la vastità dei problemi richiede grande intelligenza e competenza.