8 novembre 2012

The dark side of the man



Oggi Google ricorda un anniversario molto particolare, la nascita di uno scrittore precursore di un genere che muterà in horror e thriller. Abraham Stoker, che nacque oggi nel lontano 1847, è il papà di Dracula, delle ambientazioni cupi, della nebbia e dei treni in corsa verso la città del vampiro-conte.


Quello di Stoker resta “il” personaggio per eccellenza, nell’albero genealogico del terrore a ruota segue Freddy Krueger, “Nightmare” di successo, e i vari zombie americani. In Italia restano famose le storie di Dario Argento, re nostrano del terrore, che ha segnato un filone del genere horror a cavallo tra gli anni '80 e '90. 
E oggi? Oggi di Dracula resta molto poco, il fascino di un conte misterioso e oscuro è stata rimpiazzata da bambine che escono fuori dai pozzi delle quali si riesce a distinguere solo i capelli e da camere digitali che riprendono strani effetti paranormali.
 
Forse oggi per terrorizzare non basta più l’immagine dell’uomo, cerchiamo il terrore laddove nessuno può arrivare, né trovare spiegazioni. Eppure, quel conte, per il suo essere uomo e vampiro insieme è stato forse il più terrificante e il più veritiero di tutti, rendendo chiaro quell’effetto chiaroscurale degli esseri umani, quel terrificante che si cela in ognuno di noi.

Buon compleanno. 



Nessun commento: