1 dicembre 2012

Vittorio racconta Gassman




L'attore è il corpo attraverso il quale passano le grandi storie del cervello e del cuore e dell'idea. L'attore è un mestiere fisico e sa di doversi prendere la responsabilità di esporsi: di giocare un lembo della sua pelle esterna ed, ancor più, di quella interna. Professa la falsità; ma attraverso questa serie di falsità trova a volte la verità, la verità del testo. In casi fortunati la propria verità: e non è poco.
Vittorio Gassman

Vittorio Gassman è stato un attore unico, forse il più grande tra gli attori italiani, sicuramente il più completo: la sua recitazione andava dall'Amleto di Shakespeare a I Soliti Ignoti di Mario Monicelli, dai programmi televisivi alle indimenticabili Lecturae Dantis, dal teatro di strada alla Commedia all'Italiana.

Nato a Genova il 1º settembre 1922 (morto a Roma, 29 giugno 2000), è stato uno sportivo (titolare della nazionale italiana di Basket) attore, regista, sceneggiatore e scrittore italiano, attivo in campo teatrale, cinematografico e televisivo.
Il documentario (diviso in sei parti) segue le fasi della vita artistica del grande maestro.

Nessun commento: