Visualizzazione post con etichetta RUBRICHE. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta RUBRICHE. Mostra tutti i post

16 gennaio 2021

Io sono una famiglia. Il gabbiano - Liz Chester Brown (Romanzo 2020)

Quando incontri una persona e il suo – agire - è in perfetta armonia con il tuo – agire - ecco che senti una vibrazione interna: sono loro! Le tue – corde - interne che stanno muovendo perché toccate da un suono in sintonia con i tuoi suoni. Perché hai incontrato una persona in – simpatia – con te, cioè simile a te. 

14 gennaio 2021

Il figlio mancato


A lui non importava granché, di questa idea del figlio.
Se non fosse stato per gli altri che ci tornavano sopra così spesso. E per lei, per lo sguardo che le coglieva al volo, quando inciampavano in una donna incinta, per strada: o per i sobbalzi davanti al calendario, ogni mese, al minimo ritardo della matita rossa nel cerchiare una data.
Tra loro non ne parlavano mai.
Da quando si erano sottoposti a quella serie di esami, anche un po’ umilianti, alla clinica San Fedele, e avevano accertato ciò che lui sospettava da sempre: che la sterilità era responsabilità sua, lei non c’entrava, no, perfetta. Non si erano più detti niente, non avevano più lontanamente accennato all’argomento. E tantomeno avevano cercato soluzioni d’altro tipo: terapie, interventi. La questione venne semplicemente rimossa.

2 gennaio 2021

Il migliore dei mondi possibili: perché la globalizzazione è il minore dei mali

La globalizzazione non sarà l’ordine mondiale perfetto, ma semplicemente quello meno peggiore. Si parla sempre più spesso di “tramonto della globalizzazione”, “post-globalismo”, “crisi globale”: ma davvero esiste qualcosa di meglio della globalizzazione per dare ordine e senso al mondo? 

27 dicembre 2020

La fabbrica di cioccolato - Roal Dahl (Romanzo 1964)

La fabbrica di cioccolato - Roal Dahl

Tutti e quattro saltavano su a sedere e i loro volti rugosi si illuminavano di sorrisi di gioia dopodiché cominciavano a chiacchierare. Volevano molto bene al ragazzo. Era l’unica cosa allegra della loro vita e per tutto il giorno non vedevano l’ora che lui venisse a visitarli. Spesso anche il padre e la madre di Charlie entravano nella stanza e, in piedi vicino alla porta, rimanevano ad ascoltare le storie che i vecchi raccontavano; e così, per circa mezzora ogni sera, quella stanza diventava un posto felice e tutta la famiglia dimenticava di essere povera e affamata

24 dicembre 2020

Dickens - Canto di Natale (audiolettura)

Dickens

Ho conosciuto Canto di Natale o meglio A Christmas Carol di Charles Dickens al liceo grazie alla professoressa di inglese che ci diede il simpatico e curioso compito di tradurlo interamente, capitolo per capitolo. Il romanzo breve di Dickens ci immerge in un’atmosfera magica, gotica e ha come sfondo alcune delle principali tematiche affrontate dallo scrittore ottocentesco; questo racconto è così rimasto nella mia memoria e non c’è Natale che non pensi al vecchio Scrooge il protagonista della storia, avvizzito dall’avarizia e incapace di vedere il bello nei piccoli gesti che scaldano il cuore più di mille coperte.

11 dicembre 2020

Buzzati - Il deserto dei tartari (audiolettura)

Dino Buzzati

Il brano che presento è tratto da Il deserto dei Tartari scritto da Dino Buzzati e pubblicato nel 1940. Il protagonista è Giovanni Drogo, un giovane e promettente ufficiale militare, che viene spedito a prestare servizio nella Fortezza Bastiani costruita isolata, maestosa, dura ed invincibile a difesa di un possibile attacco dei Tartari, una popolazione nomade dell’Asia Centrale.

7 dicembre 2020

Febbre - Jonathan Bazzi (Romanzo 2019)

Febbre 

Il mondo va avanti anche se io sono in pericolo - Non fare la vittima. Ma è vero: per ogni malato la sua condizione è un evento assoluto. L'enigma che dovrebbe fermare il corso del tempo, la vita degli altri. la malattia recinta, scinde, confina chi non è portatore in una sfera a parte - egoista, impaurita -, lo riporta nell'io-me primordiale che non vede altro che se stesso.

Un libro scelto perché era arrivato finalista al premio Strega e mi aveva incuriosito, non conoscevo né l’autore, né la trama. Come spesso mi capita di fare, lo avevo scelto un po’ inconsapevolmente. 
Poi ti ritrovi in mano un diamante prezioso, un libro che da aspirante scrittrice avrei voluto scrivere io e da lettrice sono felice di averlo incontrato sul mio cammino e ora sia custodito gelosamente nella mia libreria.

22 settembre 2020

Quando si fa sera



Mi sono innamorato.
Mi sono innamorato per la prima volta, adesso. A cinquantadue anni.
Ero lontanissimo dal pensare che potesse accadermi una cosa del genere, così violenta, così improvvisa.
Mi ha squassato dentro, stravolto le giornate, ottenebrato la mente, cancellato ogni desiderio.
Perché, ovvio, il mio amore non è stato ricambiato. Mai, nemmeno per un attimo.

4 settembre 2020

Per un’introduzione sugli Emaki - Marco Milone (saggio - 2020)

Per un’introduzione sugli Emaki
L’emakimono assume, quindi, un carattere particolare nel contesto artistico: per la prima volta il pubblico non ha una singola tavola, o immagine, da osservare, ma si ritrova a srotolare lentamente queste lunghe strisce, e osservare così le scene l’una dopo l’altra. Come un libro, l’emaki viene apprezzato maggiormente da chi lo tiene e lo srotola con le proprie mani, e in un certo senso richiama la relazione intima spettatore/oggetto, tipica dei manoscritti medievali europei – questo richiamo si fa più evidente innanzi alle delicate e dettagliate scene del Genji monogatari emaki e dell’Ise monogatari.

29 luglio 2020

India: i colori e la serenità


Sono cresciuta sentendo parlare continuamente dell’Incredibile India da mio padre che vi è stato per ben sette volte. Che cosa lo attraeva così tanto di questo luogo? Attraverso i suoi racconti mi sembrava un mondo fantastico, da Mille e una Notte.
Crescendo però non trovavo mai il coraggio di partire o forse stavo solo aspettando la persona giusta con cui intraprendere questa avventura.
Sapevo che non sarebbe stato un viaggio come tanti ma un’esperienza indimenticabile.

A gennaio del 2017, avevo da poco conosciuto il mio attuale compagno e parlando di sogni gli espressi il mio di andare in India. Lui, senza scomporsi, mi rispose: “Andiamo!”.

1 luglio 2020

Ciò che il Giappone ha da insegnarci

giappone

Sin dal primo istante in cui misi piede in Giappone, mi resi subito conto di come le vaste differenze culturali potessero facilmente scadere in una serie di incomprensioni. Le differenze con questo paese sono in effetti parecchie e per questa ragione è necessario conoscere subito le principali le regole comportamentali onde evitare di incappare in forme di gratuita scortesia. Queste regole apparentemente limitanti per la nostra indole, sono in realtà una modalità con cui la società nipponica coltiva una delicata forma di gentilezza che da Occidentali tendiamo a misconoscere. Entrando a contatto con questa cultura, non solo si comprende quanto il nostro approccio verso il mondo circostante e gli altri sia fin troppo spesso grossolano e persino rude, ma consente di apprendere qualcosa che potrebbe migliorare noi stessi e la nostra società. Per questa ragione un viaggio in questo paese, o più semplicemente la possibilità di approfondirne i molteplici aspetti culturali, è un aspetto da non sottovalutare.


9 giugno 2020

Hugo - I miserabili (audiolettura)

Victor Hugo

La monumentale opera di Victor Hugo è un monumento letterario francese che racconta con passione la vita degli ultimi, dei derelitti e lo spirito rivoluzionario dei francesi contro l'oppressione dei governi. Attraverso la vita di Jean Valjean Hugo racconta tutto questo, ma soprattutto si sofferma sulla difficoltà per un forzato di potersi redimere e cambiare vita.

13 marzo 2020

Saramago - Cecità (audiolettura)

josé saramago

Tutto cominciò con un'auto ferma al semaforo e con il conducente che improvvisamente afferma di non vede più, anzi di vede tutto bianco: è diventato improvvisamente cieco! Una volta soccorso però accade che anche le altre persone che gli sono state a contatto diventano cieche e così avanti, si scopre così in poco tempo che è scoppiata una vera e propria epidemia di cecità.

27 settembre 2019

Alves - poesie (audiolettura)

Rubem Alves

Rubem Azevedo Alves è stato un intellettuale brasiliano che si è occupato di pedagogia ma anche di teologia, oltre a molteplici libri sugli argomenti a lui cari ha scritto anche diverse poesie. Quelle che riportiamo sono pregne di significato e di voglia di comprendere l'oltre che si nasconde dietro al tangibile. L'ascolto della lingua assieme alle parole ne aumenta il carico emotivo.

24 gennaio 2019

In viaggio con Erodoto - Ryszard Kapuściński (Autobiografia - 2004)

In viaggio con Erodoto

Anch’io, come molti altri probabilmente, durante le lezioni di letteratura greca ho lasciato viaggiare la mente, con i gomiti poggiati su un banco di legno e gli occhi sognanti davanti ai racconti delle avventure di Erodoto. In balia degli eventi, come direbbe “il greco”, mi sono ritrovata tra le mani questo libro ed ho iniziato a leggere.

19 gennaio 2019

Maraini - Ore giapponesi (audiolettura)

Fosco Maraini

Fosco Maraini assomma le qualità di un uomo dalla vasta cultura, con un'innato spirito di avventura e l'amore per la comprensione delle cose. La sua scrittura è brillante, mescolando il racconto delle vicende di vita ad uno spirito di fine osservazione. Un antropologo che è anche poeta ed orientalista nell'epoca in cui lo studio era rigore e sudore, Maraini ha dato un grande contributo nella comprensione della cultura orientale ma soprattutto giapponese.

3 gennaio 2019

Dieci anni di Elapsus


Da alcune settimane mi ronzava per testa un’idea, da quando cioè ero rimasto “orfano” di uno spazio in cui poter scrivere i primi pezzi con cui m’ero gettato, con molto azzardo, nel mondo del giornalismo. La piccola quanto modesta rivista cartacea aveva chiuso i battenti e a dire il vero i limiti d’una tiratura locale, i problemi di impaginazione e il taglio redazionale mi convincevano molto poco. Eppure quella chiusura poteva essere vista come un’opportunità... Così pensai di radunare tutti coloro che desideravano intraprendere l’avventura d’una rivista online, d’una webzine.

20 dicembre 2018

Pinketts – Bassi appetiti (audiolettura)

Andrea G. Pinketts

Riproponiamo, in occasione dell'improvvisa morte dello scrittore l'articolo con audiolettura...

Bassi appetiti è uno dei racconti che compongono la raccolta Io, non io, neanche lui, edita presso Feltrinelli nel ’96. Andrea G. Pinketts preferisce però parlare di «romanzo di racconti» (come per i successivi Il dente del pregiudizio e L’ultimo dei neuroni), raccolta, cioè, di storie indipendenti legate da un filo comune. In questo caso l’analisi transazionale che il protagonista – ennesimo alter ego di Pinketts – ha effettuato: «Dal 1988, la dottoressa B (un caso patologico) si occupava di me. Ad altri suoi pazienti faceva improvvisare racconti orali su parole-chiave, che so, “serpente” e “io”. A me, che ero letterariamente più dotato, li faceva scrivere. Alcuni di questi racconti hanno vinto dei premi letterari in denaro. Coi premi mi tiravo su il morale, con il denaro pagavo la terapia».

20 settembre 2018

Dalla Sicilia alla Grecia, un viaggio archeologico: da Sparta a Tebe/3

teatro di Sparta
Il teatro di Sparta

Sparta

«...se la città degli Spartani restasse deserta e rimanessero i templi e le fondamenta degli edifici, penso che dopo molto tempo sorgerebbe nei posteri un'incredulità forte che la potenza spartana fosse adeguata alla sua fama; (eppure occupano i due quinti del Peloponneso, detengono l'egemonia su di esso e su numerosi alleati esterni […]). Se gli Ateniesi invece subissero la stessa sorte, la loro importanza, a dedurla dai resti visibili della città, si supporrebbe, credo, doppia di quella reale.»

Riporto queste parole di Tucidide (I, 10) perché incredibilmente azzeccate. Di Sparta, a parte un agglomerato di moderne case insignificanti resta un’esigua area archeologica di cui parleremo a breve. Eppure nel tanto parlare dello spirito, dell’educazione e della società spartana, si sono persi tutti i segni tangibili atti ad eternarla. Anche la mitologia la marginalizza, dato che la si menziona solo come una delle città da cui partirono i contingenti per Troia e per il fatto che Menelao fosse il suo re a cui succederà Oreste figlio di Agamennone. Il resto è tutta storia, battaglie che vedono l’ascesa politica e militare dopo la supremazia di Argo.